Forse è arrivato il momento di raccontarvi un po’ meglio chi siano mai quei quattro strani personaggi vestiti di un saio nero e cinti di un cordone bianco con tre nodi (una sorta di promemoria per i tre voti: obbedienza, povertà e castità), e che dal 2005, su invito della diocesi di Trento, vivono nella ex canonica di Sanzeno (ora ribattezzata “convento Ss. Martiri Anauniensi”), a servizio sia della parrocchia di Sanzeno che del santuario di S. Romedio. Sono frati francescani, e per l’esattezza frati minori conventuali. In realtà erano già presenti in Val di Non sin dal lontano 1932, ed esattamente ad Arsio di Brez, dove per molti anni hanno gestito un seminario minore.

Francesco e ChiaraL’eredità che Francesco d’Assisi ci ha lasciato (il suo così caratteristico stile di vita, la scelta di “madonna povertà”, l’opzione per la fraternità con tutti, la minorità, l’annuncio della pace, ecc.) era probabilmente troppo “grossa” per essere portata avanti da un solo ordine religioso. Già san Francesco ne aveva infatti pensati ben tre: il primo ordine (i frati), il secondo ordine, assieme a santa Chiara (le suore clarisse) e il terzo (i laici dell’Ordine francescano secolare – OFS (www.ofs.it; www.gifra.org), meglio conosciuti come terziari: a Sanzeno c’è una viva fraternità di terziari che si ritrova mensilmente). Alla sua morte poi, per tutta una serie di motivi storici ma anche per qualche “tradimento” degli stessi frati (effettivamente era dura cercare di vivere l’intuizione di Francesco con la sua stessa radicalità), ben presto l’ordine dei frati minori (così Francesco voleva che si chiamassero semplicemente i suoi seguaci), si divise in tre distinte famiglie. Anzi, nel corso dei secoli in molte di più, tra riforme e controriforme, nonché soppressioni e interventi autorevoli di alcuni sommi pontefici. Finché il papa Leone XIII, nel 1897, cercò di mettere un po’ d’ordine nel marasma francescano, riportando tutte le varie denominazioni a tre: frati minori osservanti (più semplicemente noti come frati minori), frati minori cappuccini e, appunto, frati minori conventuali.

Basilica di AssisiSemplificando notevolmente le vicende storiche e spirituali del movimento francescano, potremmo dire che i conventuali rappresentano in qualche modo la linea diretta discendente da Francesco, di cui avevano privilegiato la scelta della “comunità”, la presenza in mezzo alla gente (i conventi cittadini) e la disponibilità alle richieste pastorali della Chiesa; gli osservanti, una riforma all’interno dell’ordine maturata a più riprese e sfociata nel 1415 nella divisione dai conventuali, sottolineavano piuttosto la radicalità della Regola francescana e, in particolare, della povertà; i cappuccini sono un ulteriore “riforma della riforma”, approvata dal papa nel 1528, e nascono come tentativo di tornare alle origini e ai piccoli eremi.
Basilica di San Francesco Assisi

Rimane che tutte e tre le famiglie francescane professano la stessa e medesima Regola che Francesco si fece approvare ufficialmente da papa Onorio III nel 1223 (nota come Regola bollata, per distinguerla dalla Regola non bollata del 1221, sempre scritta da Francesco ma approvata dal papa solo oralmente), anche se ogni famiglia la traduce poi con Costituzioni e Statuti propri.

Ognuna delle tre famiglie è guidata da un superiore generale, da Francesco denominato “ministro generale”, che viene eletto dal Capitolo generale dei frati ogni sei anni: il ministro generale dei frati minori conventuali è un americano di nome Joachim Giermek. L’ordine è suddiviso poi in “province”, ognuna guidata da un “ministro provinciale” (eletto dal Capitolo provinciale ogni quattro anni: il capitolo, sia esso generale o provinciale, è di fatto la massima autorità di governo della provincia religiosa, così come il Capitolo conventuale lo è per ogni fraternità locale); il nostro ministro provinciale è attualmente fra Marco Tasca.

Quella a cui appartiene la nostra comunità francescana di Sanzeno si chiama Provincia Patavina di S. Antonio, e comprende tutto il nord Italia, dal Friuli al Piemonte, passando per Veneto, Trentino, Lombardia e Liguria. La sede, dove risiede il ministro provinciale, è a Padova, accanto alla Basilica di S. Antonio. E proprio in S. Antonio, fedele e santo seguace di Francesco d’Assisi, la nostra provincia religiosa ha il suo grande protettore e maestro.

Il superiore della comunità locale, in questo caso quindi fra Fabio, si chiama guardiano, in ottemperanza a ciò che Francesco desiderava, e cioè che nessuno si chiamasse mai “superiore”, e viene anch’esso eletto ogni quattro anni in Capitolo provinciale (può essere rieletto al massimo per tre mandati).

Una comunità francescana, che è composta di frati tutti uguali tra di loro in virtù della loro professione religiosa, a prescindere dal fatto che poi molti siano anche sacerdoti, non è perciò semplicemente un gruppo di persone che si ritrovano a mangiare assieme e poi ognuno dietro ai suoi impegni. Ma piuttosto un gruppo di cristiani che, attraverso la condivisione di vita (dal Capitolo conventuale alla preparazione della cena) e la preghiera comunitaria si sentono chiamati gratuitamente da Dio a testimoniare quanto sia bello appartenergli!

La fraternità dei frati di Sanzeno è disponibile ad accogliere persone che desiderino trascorrere un periodo di preghiera, ricerca vocazionale e servizio in convento.


Chi c’è…
Convento Ss. Martiri Anauniesi

Fra Giorgio Silvestri, nato a Padova il 4 febbraio 1959, entrato in convento il 24 settembre 1984, frate professo solenne dal 1990, ordinazione sacerdote il 26 settembre 1992, Guardiano, Parroco e Rettore del Santuario di S. Romedio

Fra Tiziano Cislaghi, nato a Biandronno (Varese) il 17 maggio 1951, entrato in convento il 17 ottobre 1978, frate professo solenne dal 1983, ordinato sacerdote l’8 dicembre 1985, Vicario del Convento

Fra Mario Cisotto, nato a Conegliano (Treviso) il 9 dicembre 1955, entrato in convento il 6 novembre 1988, frate professo solenne dal 4 ottobre 1992, ordinato sacerdote il 6 giugno 1993, Assistente regionale OFS, economo del convento

Fra Renato Zanello, nato a Talmassons (Udine) il 21 giugno 1953, entrato in convento il 19 settembre 1990, frate professo solenne dal 1998


Convento Ss. Martiri Anauniensi
Loc. Sanzeno, 54 38010 Sanzeno TN
tel. 0463.434134 fax 0453.435207
frati@santimartiri.org

Torna all'inizio